LA FAMIGLIA DE TAPPIS


C’era una volta ,
una giovane famiglia di tappi da lavandino . Erano della stirpe cromata quindi gente molto seria , a posto.
Lavoravano tutti con gran lena ma non avevano orari fissi . Ciò creava diversi problemi che angustiavano
Molto la mamma ( affettuosamente nominata – tappona – vuoi anche per la forma piena e rotonda .
La gestione della famiglia pesava , infatti , tutta sulle sue spalle anche perché i suoi “ tappini “ , come
Soleva chiamare con dolcezza i suoi bambini , erano ancora troppo piccoli .
Non erano ancora in grado di passare l’esame di categoria , che li avrebbe consacrati ufficialmente
Tappi di servizio . Erano necessari assolutamente anni di duro allenamento per raggiungere i punteggi
Più alti della classifica STQ:20 ( Standard tappi di qualita – ventesimo aggiornamento ) .
D’altronde questi tappini piccini avevano alle spalle una stirpe tanto illustre quanto lunga di antenati
Ma nonostante tali precedenti non sembravano affatto vogliosi di intraprendere questa carriera e
Perdevano gran parte delle loro giornate , giocando nei locali delle Rubinetterie.
Proprio a questo pensava nelle lunghe notti insonni il tappo supremo ( la più alta autorità della
Piccola comunita locale ) . Ma questa non era l’unica causa della sua insonnia .
Da poco nella gazzetta ufficiale Tappi & C. era apparsa una notizia , solamente un trafiletto , ma che aveva
Avuto il potere di sconvolgerlo fino alla fine della sua cordicella d’acciaio .
La novità riguardava una nuova scoperta di un materiale duttile e trasformista , frutto delle nuove
Tecnologie . Compattando diversi strati polimerici avevano ottenuto una somma che era di più degli
Addendi. In sostanza , questo agglomerato riusciva contemporaneamente ad essere impermeabile
E non , al tempo stesso rigido e flessibile . In realtà erano state pubblicate poche righe che sommaria-
Mente descrivevano gli obbiettivi raggiunti .
Ma la lungimiranza e la logica stringente del tappo supremo aveva visto molto più in là nel futuro e
Ne aveva captato già tutte o quasi le molteplici possibilità di utilizzo nei vari campi.
La sua mente era piena di funeste visioni come lavandini e vasche , contenitori dalle più disparate forme
Che si allungavano , stringevano o lasciavano passare i liquidi o li bloccavano .
Il suo tappo segretario , abituato ai repentini sbalzi di umore del suo capo , incominciò anch’egli a
Preoccuparsi ma tentò di rincuorarlo con i suoi pochi mezzi a disposizione .
Mentre la stanza risuonava di esclamazioni di sdegno e stupore , passava giusto lì vicino la giovane
Figlia del tappo supremo . Nota per la sua arguzia e curiosità , si bloccò al clamore sentito e si
Affacciò all’interno . La ragazza si concentrò sulla conversazione e dopo pochi istanti ruppe il silenzio .
Ma papà , perché sei così sconvolto dagli impieghi di questa futura lega ? e ancora con tono
Spazientito “ Ma come hai dimenticato che il nostro campo d’azione si è espanso miracolosamente
Proprio in questi ultimi anni ? “ Il tappo supremo e il suo segretario la fissavano come inebetiti .
Lei continuò imperterrita “ Ti ricordi ? là fuori c’è tutto un mondo di possibilità ! Pensate ad esempio
Ai buchi di bilancio ( quanti ce ne sono stati , eh ! ) e poi ai buchi delle casse dello stato che hanno
Causato il deficit pubblico e all’opposto le migliaia di buchi nelle tasche della gente e poi i buchi nella
Memoria ( a volte voluti e non ) , i buchi delle coscienze , i buchi del personale o delle maestranze
Generati da pensionamenti e/o licenziamenti .
Non dimentichiamo i buchi nel cuore che nascondono grandi sofferenze e dolore.
Per finire in bellezza , chi di noi a tavola non conosce l’osso buco ? Al che prorupperò in una fragorosa
Risata tutti e tre . Da allora i nostri tappi , di cui abbiamo seguito le gesta , seppero ritagliare un loro
Spazio nella società civile e vissero felici e contenti pur se ogni tanto fossero costretti a tapparsi occhi
E orecchie per andare avanti !!!

Un commento su “LA FAMIGLIA DE TAPPIS”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *